3 anni fa il terribile tornado di Dolo

Il tornado di Dolo che sconvolse il Veneto

Dopo alcuni giorni con temperature molto superiori alla norma ed elevati valori di umidità nei bassi strati, mercoledì 8 Luglio del 2015 la regione è stata interessata da una saccatura in quota associata ad una vasto sistema depressionario sul nord Europa e dal transito di un sistema frontale al suolo. Questi elementi hanno determinato lo sviluppo di condizioni di marcata instabilità con fenomeni temporaleschi particolarmente intensi che hanno interessato a più riprese gran parte della regione e in particolare le zone montane di Vicenza, Treviso, Belluno, la fascia pedemontana di Vicenza e Treviso, la pianura di Treviso e quella centro settentrionale di Vicenza, Padova e Venezia. Fenomeni assenti sulla provincia di Verona e di Rovigo.

I primi fenomeni temporaleschi hanno interessato in mattinata le zone montane e pedemontane di Belluno, Vicenza e Treviso. Nel pomeriggio (dopo le 15) un intenso ed esteso sistema temporalesco si è formato sulla pedemontana vicentina e poi si è spostato verso sud est andando ad interessare l’Alta Padovana, i comuni tra Padova Treviso e Venezia e in particolare la riviera del Brenta (tra le 17 e le 17:40 circa), per poi spostarsi velocemente su Mestre-Venezia e infine sul mare dopo le 18. Altri temporali intensi hanno continuato ad interessare le zone montane e pedemontane di Belluno, Vicenza e Treviso; in tarda serata una nuova linea temporalesca è transitata dalla fascia pedemontana di Vicenza verso la costa centro settentrionale, per poi lasciare il territorio regionale verso le 00:30 di giovedì 9.

I fenomeni più significativi sono state le frequenti grandinate, con chicchi anche di grosse dimensioni, le forti raffiche di vento e in particolare la tromba d’aria/tornado che ha interessato alcune zone nella riviera del Brenta intorno a Dolo (tornado EF3 secondo la scala Enhanced Fujita), le precipitazioni localmente intense, anche se i quantitativi complessivi registrati dalle stazioni della rete ARPAV non sono stati nel complesso particolarmente abbondanti.


mappa di Serenissima Meteo sul percorso del tornado


nella foto a sinistra la grandine grossa che ha interessato il Vicentino con chicchi fin 5-6cm di diametro mentre nelle immagini a destra vediamo il classico radar ad eco della supercella e la notevole attività elettrica in basso che mostra lo sviluppo della cella dalle prealpi in moto sud-est verso il litorale veneziano

 

Questo tornado che  interesso’  alcune zone della riviera del Brenta con l’ammontare complessivo di circa 60 milioni di euro nei tre comuni con danni di varia gravità (oltre 400 edifici coinvolti) e purtroppo una vittima trascinata dalla forza del tornado con l’auto in un fiume. Tale vortice fu classificato dagli amici di Serenissima Meteo come Ef3 strong con raffiche di vento di 250km/h (piu’ o meno 20km/h), percorrendo ben 11km prima di dissolversi. Davvero uno dei tornado piu’ incredibili della storia italiana.

 

 

  

 

 

 

Federico Baggiani

Amministratore Fondatore e Previsore. Studente di Scienze Agrarie, finalizzato in tecnico agronomo. Da sempre appassionato di Scienza e soprattutto della Meteorologia. Si occupa della stesura di analisi previsionali a breve-medio termine; articoli di attualità ambientale e climatica. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.

Se trovi interessante il nostro operato, offrici un caffè!

Potrebbero interessarti anche...