Visto in Italia il ragno più grande d’Europa

Il ragno più grande d’Europa è stato avvistato in Italia, il Macrothele calpeiana, appartenente alla famiglia Hexathelidae.

Macrothele calpeiana
Macrothele calpeiana

E’ una specie particolare che si trova generalmente nella penisola Iberica, e nel Nord Africa. 

Il maschio può raggiungere i 5 centimetri di lunghezza, mentre la femmina può arrivare fin a 10 centimetri. E’ di colore nero e presenta una peluria sul corpo.

Secondo gli esperti, l’avvistamento di alcuni esemplari, sul territorio italiano non è da attribuirsi ad una migrazione, dovuta ai cambiamenti climatici, ma tramite l’importazione di piante in genere ulivi.

Tendendo poi a diffondersi appunto negli uliveti e in terreni non troppo umidi e non esposti al freddo.

Gli ultimi avvistamenti sono avvenuti in Toscana, fra Venturina e Suvereto, nel livornese, come riporta il quotidiano il Tirreno.

L’ENPA ci spiega che è un ragno scoperto e classificato nel 1805 ma nella letteratura manca ancora un riferimento specifico alla pericolosità.

“Per assurdo questo dimostra, anche se non al 100%, che non si tratti di un animale particolarmente pericoloso: quantomeno, in due secoli di conoscenza, una morte per avvelenamento o una lesione grave sarebbe stata registrata”.

Quel che è certo che il morso può essere abbastanza doloroso, anche solo per la dimensione dei cheliferi.

Non bisogna però creare inutili allarmismi, in quanto questa specie di ragno è molto ma molto rara in Italia.

In ogni caso, l’ENPA, in caso di ritrovamento è quello di non farsi spaventare dall’aspetto poco piacevole dell’animale (NON Ucciderlo), farsi coraggio per metterlo in un barattolo lasciando passare dell’aria e, il prima possibile, segnalare immediatamente il ritrovamento alla sede ENPA più vicina.

Potrebbero interessarti anche...