Sicilia Allerta Meteo Rossa per Sabato 3 Novembre

La circolazione depressionaria sul Mediterraneo centrale, continua a far confluire correnti umide e instabili verso l’Italia.

Il lento spostamento della perturbazione verso sud-ovest, nel corso della giornata di sabato 3 novembre, favorirà un graduale e momentaneo miglioramento delle condizioni meteorologiche sulle regioni peninsulari, mantenendo invece condizioni di spiccata instabilità sulla Sicilia, in estensione dalla serata alla Sardegna.

Pubblicato da Regione Siciliana – Dipartimento Regionale della Protezione Civile su Venerdì 2 novembre 2018

In considerazione della situazione già in atto, e delle nuove piogge e temporali attesi, la Protezione Civile ha deciso di emanare un’Allerta Meteo Rossa per Rischio Idrogeologico e Rischio Idraulico.

Bollettino Regionale di Protezione Civile – Vedi

Per la giornata di domani, Sabato 3 novembre 2018:
ELEVATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDRAULICO / ALLERTA ROSSA:
Sicilia: Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Centro-Meridionale e isole Pelagie
ELEVATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO / ALLERTA ROSSA:
Sicilia: Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Centro-Meridionale e isole Pelagie
MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDRAULICO / ALLERTA ARANCIONE:
Emilia Romagna: Pianura emiliana orientale e costa Ferrarese, Pianura emiliana centrale
Lazio: Aniene, Bacino del Liri, Bacini Costieri Sud, Appennino di Rieti, Roma, Bacino Medio Tevere, Bacini Costieri Nord
Sicilia: Sud-Orientale, versante ionico, Nord-Orientale, versante ionico, Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie, Centro-Settentrionale, versante tirrenico, Sud-Orientale, versante Stretto di Sicilia, Bacino del Fiume Simeto
Veneto: Po, Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige
MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO TEMPORALI / ALLERTA ARANCIONE:
Lazio: Aniene, Bacino del Liri, Bacini Costieri Sud, Appennino di Rieti, Roma, Bacino Medio Tevere, Bacini Costieri Nord
Sicilia: Sud-Orientale, versante ionico, Nord-Orientale, versante ionico, Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie, Centro-Settentrionale, versante tirrenico, Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Centro-Meridionale e isole Pelagie, Sud-Orientale, versante Stretto di Sicilia, Bacino del Fiume Simeto
MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO / ALLERTA ARANCIONE:
Friuli Venezia Giulia: Bacino montano del Tagliamento e del Torre
Sicilia: Sud-Orientale, versante ionico, Nord-Orientale, versante ionico, Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie, Centro-Settentrionale, versante tirrenico, Sud-Orientale, versante Stretto di Sicilia, Bacino del Fiume Simeto
Veneto: Piave pedemontano, Alto Piave, Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone
ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO IDRAULICO / ALLERTA GIALLA:
Emilia Romagna: Pianura e bassa collina emiliana occidentale
Molise: Alto Volturno – Medio Sangro
Sardegna: Campidano, Bacini Flumendosa – Flumineddu, Gallura, Iglesiente
Umbria: Medio Tevere, Chiani – Paglia, Alto Tevere, Nera – Corno, Trasimeno – Nestore, Chiascio – Topino
Veneto: Basso Brenta-Bacchiglione e Fratta Gorzone, Adige-Garda e monti Lessini, Piave pedemontano, Livenza, Lemene e Tagliamento, Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna, Alto Piave, Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone
ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO TEMPORALI / ALLERTA GIALLA:
Calabria: Versante Jonico Meridionale
Toscana: Etruria, Fiora e Albegna, Fiora e Albegna-Costa e Giglio, Isole, Ombrone Gr-Medio, Ombrone Gr-Costa, Etruria-Costa Nord, Etruria-Costa Sud
Umbria: Medio Tevere, Chiani – Paglia, Alto Tevere, Nera – Corno, Trasimeno – Nestore, Chiascio – Topino
ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO / ALLERTA GIALLA:
Abruzzo: Bacini Tordino Vomano, Marsica, Bacino Basso del Sangro, Bacino dell’Aterno, Bacino del Pescara, Bacino Alto del Sangro
Calabria: Versante Jonico Meridionale
Emilia Romagna: Bacini emiliani occidentali, Bacini emiliani centrali, Bacini romagnoli, Bacini emiliani orientali, Pianura e bassa collina emiliana occidentale
Friuli Venezia Giulia: Bacino del Livenza e del Lemene
Molise: Alto Volturno – Medio Sangro
Sardegna: Campidano, Bacini Flumendosa – Flumineddu, Gallura, Iglesiente
Toscana: Etruria, Fiora e Albegna, Fiora e Albegna-Costa e Giglio, Isole, Ombrone Gr-Medio, Ombrone Gr-Costa, Etruria-Costa Nord, Etruria-Costa Sud
Umbria: Medio Tevere, Chiani – Paglia, Alto Tevere, Nera – Corno, Trasimeno – Nestore, Chiascio – Topino
Valle d’Aosta: Dorsale settentrionale e nord-occidentale, Valgrisenche e Valdigne, Valle di Cogne, Valsavarenche e Valle di Rhemes, Valle dAosta centrale, Valle del Gran San Bernardo da Aosta a Valpelline,Valle di Saint Barthelemy e Valtournenche, Bassa Valle dAosta, dalla Gola di Montjovet a Pont-Saint-Martin, Valle del torrente Chalamy, Valle dAyas, Valle di Champorcher e Valle di Gressoney
Veneto: Basso Brenta-Bacchiglione e Fratta Gorzone, Livenza, Lemene e Tagliamento, Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna
Per le Regioni Sardegna e Piemonte e per la Provincia Autonoma di Bolzano il bollettino riguarda solo la valutazione del rischio idrogeologico e idraulico, non essendo ancora il rischio temporali oggetto di valutazione secondo le Indicazioni Operative del Capo Dipartimento della Protezione Civile del 10 febbraio 2016. 
Regione Liguria: in merito alla situazione emergenziale in atto a Genova, l’ARPAL, Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure, emette quotidianamente per il torrente Polcevera un ‘Bollettino speciale meteo-idrologico Emergenza Ponte Morandi.
Regione Veneto: le frane del Tessina nel comune di Chies d’Alpago e della Busa del Cristo a Perarolo di Cadore, riattivatesi dopo le abbondanti precipitazioni occorse nei giorni scorsi, sono soggette a specifico monitoraggio. Si precisa che nelle zone di allerta Vene-A Alto Piave, Vene-H Piave Pedemontano e Vene-B Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone viene mantenuta una criticità geologica rossa localizzata e riferita alle zone interessate dai fenomeni franosi sopra citati e anche alla frana del Rotolon nel comune di Recoaro, anch’essa soggetta a specifico monitoraggio; la criticità idraulica arancione nella zona di allertamento Vene-D Po, Fissero-Tartaro-CanalBianco e Basso Adige è riferita al transito del colmo di piena lungo le sezioni venete del fiume Po;
Regione Campania: le criticità indicate per oggi sono da intendersi fino alle ore 18.00;
Regione Lombardia: per la giornata di domani si prevede un codice arancione per rischio idraulico localizzato nel tratto cremonese-mantovano del fiume Po, dalle ore 13 fino a revoca;
Regione Toscana: le moderate criticità per rischio temporali forti e rischio idrogeologico idraulico reticolo minore per oggi sono da intendersi fino alle ore 18.00 a seguire criticità gialla fino alle ore 08.00 di domani. Per le zone di allerta E1-Etruria ed E2-Etruria Costa Nord la criticità gialla per rischio temporali forti e rischio idrogeologico idraulico reticolo minore sono da intendersi fino allo ore 08.00 di domani;
Regione Sardegna: la criticità gialla per oggi è da intendersi fino alle ore 18.00 mentre la criticità gialla per domani è da intendersi a decorrere dalle ore 18.00. 

Andrea Pardini

Amministratore Fondatore, Previsore e Developer. Ragioniere, Perito Commerciale e Programmatore Informatico, con la passione per Meteorologia e la Scienza in generale. Attualmente Informatico presso una Web Travel Agency. Si occupa: del mantenimento della strumentazione e del portale web, stesura di articoli ed elaborazione delle previsioni meteo. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.

Se trovi interessante il nostro operato, offrici un caffè!

Potrebbero interessarti anche...