Tsunami in Indonesia a seguito dell’eruzione del Vulcano Krakatau

Uno Tsunami ha devastato le coste dell’Indonesia, apportando morte e distruzione. Onde alte più di 20 metri, si sono generate a seguito di alcune frane sottomarine, innescate dal Vulcano Anak Krakatau, nonchè il figlio del Krakatoa, quest’ultimo noto per la violentissima eruzione avvenuta il 27 agosto 1883, che sprigionò un’energia pari a 200 megatoni.

Anak Krakatau, è emerso dalle acque nel 1927 e sin dagli anni cinquanta l’isola ha aumentato la sua altezza ad un ritmo medio di 13 centimetri alla settimana.

Il vulcano non è mai stato inattivo, infatti studi del 2005 indicavano già un incremento dell’attività vulcanica, confermata poi da eruzioni successive come nell’ottobre e nel novembre dell’anno 2007.

L’ultima prima di quella di Dicembre 2018, risale a Luglio dello stesso anno, dove si erano verificate una serie di eruzioni esplosive.

Le Onde Anomale

Onde innescate da eventi franosi non sono una novità, basti tornare di poco indietro nel tempo, precisamente al 17 giugno 2017, ove in Groenlandia si scaturirono onde tra i 90 e i 100m di altezza.

La più eclatante e impressionante, rimane l’onda generatasi a Lituya Bay, in Alaska ben 525 metri.

Approfondisci → Leggi Qui, le Onde in Groenlandia e in Alaska

Approfondisci → Leggi Qui, Early Warning – Tsunami e Terremoti

Andrea Pardini

Amministratore Fondatore, Previsore e Developer. Ragioniere, Perito Commerciale e Programmatore Informatico, con la passione per Meteorologia e la Scienza in generale. Attualmente Informatico presso una Web Travel Agency. Si occupa: del mantenimento della strumentazione e del portale web, stesura di articoli ed elaborazione delle previsioni meteo. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.

Se trovi interessante il nostro operato, offrici un caffè!

Potrebbero interessarti anche...