Ecco chi era Daniele Nardi

Chi pontifica sui social con frasi tipo “se la sono andata a cercare” o “rischiavano la vita solo per la fama” sappia che se tutti la pensassero così staremmo ancora nelle caverne.

Senza sogni, ricerca del limite e perseveranza non c’è evoluzione.

Ma adesso vogliamo farvi capire visti alcuni commenti, chi era veramente Daniele e chi non poteva farlo meglio se non il suo meteorologo di fiducia, Filippo Thiery noto previsore di Geo&Geo e della Protezione Civile.

“Caro Daniele,
in questi anni, te lo posso giurare su quello che vuoi, non me lo ero mai neanche lontanamente immaginato, che sarebbe potuto arrivare il momento vissuto in queste ultime due settimane, quello in cui avrei fatto le previsioni meteo sul Nanga Parbat non per la pianificazione delle tue scalate, ma per fornirle a chi coordinava le operazioni volte alla tua ricerca. 

E non sai quante volte, in questi giorni irreali, dopo aver studiato le carte meteorologiche centrate su quella zona del globo, ho istintivamente pensato “ok, il meteo domani dovrebbe andare così, ora lo scrivo a Dan”… e prima ancora di realizzare l’assurdità di quel pensiero, continuare a riflettere “devo anche chiedergli se ieri alla fine è nevicato quanto pensassimo, oppure meno, e se il vento abbia davvero rinforzato quanto gli avevo detto”…

perché questa è stata la nostra storia e la nostra amicizia in questi anni, fatta non solo di un forte patto di reciproca fiducia e vicendevole responsabilità, vista la delicatezza delle informazioni che ci si scambiava e soprattutto dell’utilizzo che dovevi farne, ma anche di una strettissima e indispensabile sinergia, in cui la previsione la facevamo in due, tu osservando il cielo e la montagna, io usando i tuoi occhi sul posto per la cruciale fase di verifica, senza la quale il contributo di un meteorologo, per quanti modelli matematici possa consultare, perderebbe molta della sua efficacia, se non tutta.

il Nanga Parbat

Non so quanti alpinisti al mondo, e non lo dico perché sono di parte ma per sincero dubbio, avrebbero potuto offrirmi questo riscontro non solo continuo, ma anche condotto con il necessario sguardo oggettivo, metodico e scientifico.

E se era uno scenario la cui eventualità non mi sfiorava neanche l’anticamera del cervello, quello in cui incredulo mi sono trovato barcollante a muovermi in questi giorni, non è perché per amicizia ed affetto volessi fugare il pensiero di un momento così angosciante, ma semplicemente perché ho conosciuto, fin dall’inizio, la maniacale attenzione e prudenza con cui hai sempre affrontato la pianificazione di ogni singola giornata e di ogni singolo passo sulla montagna, lo scrupoloso e continuo calcolo del rischio a cui dedicavi tutta la tua concentrazione, scartando a priori le giornate in cui quest’ultimo superava la soglia che ritenevi accettabile, e tenendo questa tua personale asticella del rischio, quella che non eri risposto a valicare, molto (ma molto) più in basso di quanto possa credere chi segue queste imprese da casa propria, giudicandole tipicamente come uno sprezzo del pericolo, un azzardo privo di qualsivoglia soglia del rischio, o un modo per mettere a repentaglio la propria vita (salvo poi, ne abbiamo costante e triste dimostrazione dalle pagine di cronaca, restando amenamente in spiaggia o su una cresta montuosa durante un temporale, guidando con l’occhio più al telefonino che al volante, o percorrendo un torrente in fondo a una gola mentre il cielo si fa nero e in lontananza si sente tuonare, dimostrando una totale e sciagurata incapacità di valutazione del rischio, quando non lo smaccato disprezzo del valore della propria vita, aspetti che invece per te, ovunque ti trovassi dal livello del mare in su fino a ottomila e passa metri, erano punti fermi, costantemente in cima ai tuoi pensieri).

Ne è riprova il fatto che su quella montagna, prevalentemente su quella via, ci hai passato cinque inverni, mica un giorno, a forza di non perdere mai la pazienza di aspettare il momento meno rischioso, di minimizzare la tua esposizione al pericolo, di evitare le giornate e le situazioni in cui qualcosa non ti convinceva, foss’anche solo un’intuizione o una sensazione (“Pippo è troppo bianca la roccia lassù stamattina, qui al base in realtà è nevicato poco, come mi avevi detto, ma lì non capisco se è solo neve appiccicata dal vento, oppure se in quota ne ha proprio fatta molta di più, in questo caso è pericoloso per le valanghe, nel dubbio siamo rimasti qui, peccato per la bella giornata certo, ma vatti a fidare”)… a costo di “buttare” finestre di tempo favorevole per dare alla montagna il tempo di scaricare la neve caduta nei giorni precedenti, di attendere più di un mese senza muovere un passo dal campo base, di tornare indietro mentre eri appena sotto o già sopra lo sperone, cambiando in corsa, proprio sul più bello, la pianificazione che ti eri proposto. 


Compreso quest’anno, quando arrivando al Campo Base il 28 dicembre, avete posizionato Campo 2 e Campo 3 a tempo di record, rispettivamente il 5 e il 9 gennaio, avete iniziato la scalata dello sperone il 16 gennaio arrivando a lasciare uno zaino col materiale a quota 6200, rientrando al Campo Base già col pensiero a tornare su per proseguire la via… per poi mordere lungamente il freno proprio sul più bello, per evitare situazioni di rischio troppo alto, finendo pazientemente con l’aspettare quasi 40 giorni per tornare sopra Campo 3, e riaffrontare quindi il tratto più impegnativo della via: fino cioè al 23 febbraio, il giorno in cui siete poi arrivati a posizionare Campo 4, quello da cui il giorno dopo hai fatto l’ultima telefonata a Daniela, durante la quale le hai chiesto di contattarmi, per potergli poi trasmettere qualche elemento in più sulla tendenza dei giorni a seguire. Anche in quel momento, come sempre, con la mente alla pianificazione, alla programmazione, alla valutazione più esaustiva e meticolosa possibile sul da farsi.

CONTINUA A PAGINA SEGUENTE

Federico Baggiani

Amministratore Fondatore e Previsore. Studente di Scienze Agrarie, finalizzato in tecnico agronomo. Da sempre appassionato di Scienza e soprattutto della Meteorologia. Si occupa della stesura di analisi previsionali a breve-medio termine; articoli di attualità ambientale e climatica. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.

Se trovi interessante il nostro operato, offrici un caffè!

Potrebbero interessarti anche...