Instabilità diffusa Mercoledì 10 Aprile

Buongiorno amici una depressione atlantica interesserà in giornata prima la Sardegna al mattino per poi estendersi ai settori Tirrenici e al nord con instabilità pomeridiana. Neve sulle Alpi tra 1600-2000m.

satellite live

L’entrata infatti di aria fredda in quota fin -24/-26°C a 500hpa (5500m), unita all’irraggiamento darà vita ad un modesto innesco per i temporali con un cape fin 1000-1500j/kg.


Consulta qui le immagini satellitari → Clicca Qui

Consulta qui le immagini radar → Clicca Qui


La vorticità in quota non sarà elevata al più diffusa sui 15m/s permetterà la formazione di multicelle temporalesche semistazionarie, accompagnate da nubifragi, grandine fin piccola-media taglia e raffiche di vento.

Da non escludere la formazione di trombe marine tra le coste sarde e tirreniche. Possibili fenomeni piu’ organizzati sulla Sardegna occidentale.

diverse fulminazioni in risalita dalla Sardegna verso il Tirreno

Si tratta comunque della tipica instabilità di primavera con fenomeni localizzati a macchia di leopardo nel tempo e nello spazio in cui è molto difficile stabilire precisamente i fenomeni.

In mappa vedete infatti la distribuzione indicativa delle precipitazioni molto irregolare.

Federico Baggiani

Amministratore Fondatore e Previsore. Studente di Scienze Agrarie, finalizzato in tecnico agronomo. Da sempre appassionato di Scienza e soprattutto della Meteorologia. Si occupa della stesura di analisi previsionali a breve-medio termine; articoli di attualità ambientale e climatica. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.

Se trovi interessante il nostro operato, offrici un caffè!

Potrebbero interessarti anche...