Forti Temporali su parte del Nord, 7 Agosto 2019

Pressione in calo sul Mediterraneo centro-occidentale per il passaggio di una perturbazione più attiva sul’arco alpino.

Sarà proprio qua che dal pomeriggio odierno, l’entrata di un fronte atlantico porterà i primi temporali forti tra Alpi e prealpi.

Verso pomeriggio-sera i fenomeni andranno ad estendersi sulle pianure di Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna di confine.

accumuli pluviometrici per il 7 Agosto

In queste zone il potenziale d’innesco sarà elevato attorno i 2000j/kg e con una ottima vorticità in quota, questo darà il via alla formazione di multicelle.

Non si esclude la possibilità di sviluppo di sistemi a supercella, con rischio di grandine di media-grossa taglia, colpi di vento e nubifragi.

Rimane tuttavia incertezza su fino a quanto i fenomeni scenderanno dai settori alpini.

le aree con livello 2 a maggior rischio di fenomeni severi per la giornata odierna

Nella giornata di Giovedì l’impulso instabile transiterà rapidamente verso Est determinando però ancora degli acquazzoni e locali temporali su Appennino tosco-emiliano, Emilia orientale, Romagna, alte Marche, basso Veneto e Friuli. Tempo invece in miglioramento sui restanti settori

Federico Baggiani

Amministratore Fondatore e Previsore. Studente di Scienze Agrarie, finalizzato in tecnico agronomo. Da sempre appassionato di Scienza e soprattutto della Meteorologia. Si occupa della stesura di analisi previsionali a breve-medio termine; articoli di attualità ambientale e climatica. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.

Se trovi interessante il nostro operato, offrici un caffè!