Intenso peggioramento sulle Tirreniche e parte del Nord tra Domenica e Lunedì

Passata la fase perturbata l’alta pressione è in rinforzo sulla nostra penisola.

Da Domenica però questa si sposterà sui Balcani dando via libera ad un consistente peggioramento che interesserà le regioni occidentali.

Una vasta depressione infatti tra il nord atlantico e la penisola Iberica andrà a dar vita ad un ampio fronte perturbato che muovendosi verso la nostra penisola logorerà il promontorio anticiclonico, attivando umide ed instabili correnti meridionali al centro-nord italia e lungo il tirreno in particolare.

Pressione al suolo attesa per Domenica

Sarà proprio qui dove lo Scirocco andrà a scontrarsi con la tramontana in uscita dalla liguria e sul mar Ligure dove potrebbero innescarsi temporali localmente stazionari con il rischio di accumuli elevati (anche oltre 100-200mm in meno di 24 ore).

Come vediamo nella seconda carta al momento le aree a maggiori rischio sono la Liguria specie di levante e l’alta, la bassa (alto Lazio confinante) e il nord Toscana, fenomeni consistenti anche in Emilia, Lombardia ed Alpi centro-orientali.

Fenomeni che si presenteranno già Domenica mattina intensi tra Nord-ovest (specie Liguria), Lombardia e l’alto tirreno.

In serata-notte è atteso il passaggio del fronte atlantico con fenomeni sempre presenti tra Toscana e Liguria (in particolare quella orientale) ma precipitazioni in aumento anche al Nord-est

accumuli pluviometrici indicativi attesi per Domenica

Lunedì la perturbazione scivolerà rapidamente verso sud portando temporali e rovesci lungo il Tirreno anche centro meridionale , fenomeni assenti o irrisori lungo il medio-basso Adriatico.

Ancora residui fenomeni intensi all’estremo nord-est tra notte e mattina. Schiarite al Nord-ovest , tra Toscana e Lazio nel corso della giornata.

Temperature massime tra 20-27°C al Centro-nord mentre punte fin anche ai 30°C al Sud a causa dei venti meridionali in rinforzo. Mari molto mossi.

accumuli pluviometrici per Lunedì

Ci aggiorneremo prossimamente per maggiori dettagli sull’evoluzione e l’intensità dei fenomeni attesi di questo primo peggioramento autunnale.

Il mar Tirreno ancora molto caldo sarà decisivo nella genesi dei fenomeni severi.

Federico Baggiani

Amministratore Fondatore e Previsore. Studente di Scienze Agrarie, finalizzato in tecnico agronomo. Da sempre appassionato di Scienza e soprattutto della Meteorologia. Si occupa della stesura di analisi previsionali a breve-medio termine; articoli di attualità ambientale e climatica. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.

Se trovi interessante il nostro operato, offrici un caffè!