Avanti con l’Autunno, altre perturbazioni, temporali e neve tra Alpi ed Appennino

Bentrovati amici la stagione autunnale ormai è veramente iniziata. La perturbazione che ieri ha portato piogge eccezionali su parte del Nord-ovest è adesso scesa fino al meridione.

Proprio questa depressione andrà ad agganciare un nocciolo di aria fredda dai Paesi Bassi che porteranno per Mercoledì un nuovo aumento dell’instabilità tra Nord-est, il Centro e ancora il meridione.

Successivamente nella seconda parte della settimana questo vortice andrà ad isolarsi sulle aree adriatiche e il meridione garantendo ancora piogge mentre avremo un miglioramento del tempo altrove.

Temperature che subiranno un netto calo rientrando in media o leggermente sotto.

Calo che sarà più avvertibile a causa del gran caldo anomalo delle scorse settimane che vedeva ancora temperature da piena estate durante il giorno.

Queste correnti più fresche favoriranno anche la neve sotto i 2000m sulle Alpi centro-orientali, ma anche la prima neve sull’Appennino settentrionale.

Pressione al suolo per Mercoledì con i sistemi frontali delle basse pressioni rappresentati in mappa

Nuovo peggioramento, Mercoledì 6 Ottobre

Un nuovo fronte atlantico arriverà sulla nostra penisola con l’ingresso di fresche correnti in quota che destabilizzeranno il tempo.

Il nord-ovest flagellato dalle piogge sarà risparmiato in quanto avremo solo delle residui fenomeni sulla Liguria di levante al mattino.

Piogge sparse nel corso della giornata tra Lombardia e nord-est senza escludere anche qualche colpo di tuono specie verso l’adriatico.

Altri temporali si formeranno al centro. Tempo instabile anche al meridione con peggioramento solo serale in Puglia mentre migliora sulla Sicilia.

Al meridione associati ai temporali avremo rischio di nubifragi, grandine di media taglia e raffiche di vento. Nelle altre aree della penisola interessate stessi rischi ma grandine piccola. Non si escludono trombe marine lungo le coste.

Arriverà la neve sulle Alpi centro-orientali sui 1800-2000m, ma anche fin 1500m sull’Alto Adige.

Temperature massime in calo tra 18/24°C qualcosa in più sul basso adriatico. Venti localmente intensi a rotazione ciclonica.

Accumuli pluviometrici per Mercoledì

Tendenza meteo seconda parte di settimana

Da Giovedì quest’ultima depressione andrà ad isolarsi tra il basso Tirreno e lo Ionio garantendo giornate di instabilità sulle Adriatiche e il meridione.

Il 7 Ottobre avremo nevicate già nella notte-primo mattino fin 1600m sull’Appennino settentrionale in particolare sul lato emiliano-romagnolo. Qualche metro sopra sugli altri settori.

Schiarite su Nord e Sardegna. Piogge sull’ Emilia-romagna al mattino con sconfinamento anche sulle aree interne toscane seppur di poco conto. Tendenza anche qui in miglioramento con i venti in rotazione da nord-est.

Precipitazioni insistenti sul medio adriatico. Instabile su nord Puglia, basso Lazio, Campania e Calabria. Piovaschi nel nord della Sicilia.

Venti forti di Grecale sull’alto adriatico e al centro mentre di ostro o libeccio al meridione. Temperature massime tra i 16/22°C, in calo specie al meridione.

Venerdì instabile sul medio adriatico e al meridione mentre tanto sole altrove. Temperature stazionare, in lieve calo al sud.

Poche variazioni verso il weekend con un possibile calo dei valori minimi sotto i 10°C nelle interne delle aree centro-settentrionali.

Vi invitiamo a seguire per questa parte i prossimi aggiornamenti in caso di variazioni.

Pressione al suolo per Giovedì

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News