Avvio di Giugno con qualche pioggia

L’avvio del nuovo mese Giugno e della estate meteorologica, vedrà ancora la possibilità di qualche pioggia.

Nel weekend appena trascorso, una depressione si è fatta strada sul Nord-Est dell’Europa, innescando la scesa di correnti più fresche ed instabili lungo il suo bordo.

Queste determineranno per la nostra penisola qualche disturbo in questo avvio di settimana, con rovesci sui settori Alpini e aree montane Appenniniche (vedi Bollettino Meteo Italia).

Il Meteo per la Festa della Repubblica Mercoledì 2 Giugno

Disturbi che verranno incentivati da un peggioramento apportato da un nuovo fronte instabile che tra Martedì 1 e Mercoledì 2 Giugno apporteranno annuvolamenti con qualche precipitazione al Nord-Ovest e sulle isole maggiori.

Questa perturbazione che si avrà in concomitanza della ricorrenza della Festa della Repubblica tuttavia non sarà fortunatamente fioriera di grosse precipitazioni, ma darà luogo ad una modesta variabilità.

Per i restanti settori, l’azione dell’alta pressione riuscirà a garantire condizioni di tempo più stabile con qualche innocuo annuvolamento.

A livello termico le temperature nell’avvio di settimana subiranno in generale poche variazioni, risultando mediamente stazionarie.

Anticiclone Africano in vista da metà settimana

Il rinomato Anticiclone Africano, o per meglio dire l’alta pressione di matrice nord-africana, nella successiva metà settimana vedrà un espansione verso la nostra penisola, favorendo così condizioni di tempo più stabile su gran parte del paese oltre ad aumento delle temperature.

I valori termici si spingeranno infatti, entro il prossimo weekend, sopra i 30°C con punte fin sui 34°C al Sud.

Una scaldata da molti richiesta, ma che tuttavia non avrà lunga durata. La modellistica infatti ci evidenzia una possibile tendenza che vedrebbe l’irruzione di nuove correnti più fresche ed instabili ma ne riparleremo nei prossimi aggiornamenti!

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *