Inizio settimana con una nuova perturbazione

La seconda settimana del mese di Marzo, vedrà l’arrivo della perturbazione numero 3, che tra Lunedì e Martedì apporterà precipitazioni al Centro e sulla Sardegna, per poi coinvolgere nella metà della settimana anche il meridione.

Meteo Italia Festa della Donna

Lunedì 8 marzo, ricorrenza della Festa della Donna, è atteso un peggioramento più marcato sui settori centrali della nostra penisola, a seguito della risalita di un minimo depressionario dal Nord Africa.

Le precipitazioni interesseranno anche la Sardegna, raggiungendo in giornata anche la Toscana, il Lazio e restanti settori centrali. Neve possibile sui rilievi dell’Appenino Centrale con quote superiori ai 1000m.

Al Nord tempo che risulterà poco o parzialmente nuvoloso, senza fenomeni, al Sud avremo una maggiore variabilità, con qualche fenomeno tra Sicilia e Calabria

avremo un peggioramento più marcato al centro a causa della risalita del minimo del nord Africa, con piogge che dalla Sardegna raggiungeranno, anche con rovesci moderato-forti, la Toscana e il Lazio e quindi un po’ tutto il centro, con nevicate in Appennino centrale. In parte nuvoloso al nord, ma sostanzialmente senza fenomeni, variabile al sud.

Correnti Atlantiche dopo metà settimana

Dopo la metà della settimana avremo un cambio della circolazione, in particolare sui settori settentrionali della penisola, per l’abbassamento del flusso zona atlantico, legato a un profondo ciclone islandese che si porterà verso la Scozia e piloterà veloci correnti occidentali, o meglio da Ovest-Nord Ovest, sul nord Italia. Tempo più stabile invece al Centro Sud.

Tendenza Meteo Lungo Termine

Il trend nel lungo termine è ancora piuttosto incerto ed è attualmente impossibili andare a definire una previsione valida ed attendibile, ma sembra delinearsi una situazione senza sostanziali ondate fredde. Non ci resta che rimandarci al prossimo aggiornamento!

Rimani Aggiornato sul Meteo con RMA

Seguici sui principali social Network: Facebook, Instagram, Twitter, Telegram, Whatsapp oppure anche su Google News