Perturbazione Artica in arrivo, forti temporali al Sud e neve in Appennino

Bentrovati amici vediamo di capire meglio cosa accadrà in questo ultimo impulso freddo in arrivo sulla nostra penisola.

Aria fredda artica infatti scivolerà da Mercoledì verso l’Italia , scorrendo sul bordo orientale di un vasto campo di alta pressione presente sull’Europa occidentale.

Questo porterà alla genesi di una depressione accompagnata da piogge sul medio adriatico e al meridione, con il rischio di fenomeni intensi.

Le temperature torneranno a calare, con valori sotto la media del periodo fin 8°C sui settori adriatici ed anche la neve in Appennino fin sotto i 1500m.

Immagine satellitare delle 15,00 del 12 Ottobre 2021

Evoluzione meteo sul nuovo peggioramento

Mercoledì avremo dei residui fiocchi nelle prime ore del giorno sulle Alpi di confine fin 1500m in rapido esaurimento.

Instabilità attiva già al mattino sulla Romagna con locali rovesci o deboli temporali, in attenuazione mentre sul resto del nord avremo tanto sole come sul medio-alto tirreno.

Nel pomeriggio le piogge si estenderanno al medio adriatico senza escludere sconfinamenti tra Umbria e Toscana orientale di confine. Molto dinamica la situazione sul basso Tirreno con un netto peggioramento in Sicilia e Calabria nel pomeriggio-sera(qui le allerte meteo emesse)

In queste zone sarà più elevata la probabilità di formazione di intense multicelle con associati nubifragi (accumuli >50/70mm), grandine piccola e raffiche di vento.

Sul resto del meridione fenomeni più isolati. Nelle aree costiere interessate saranno possibili anche delle trombe marine.

Da segnalare la neve che cadrà tra 1400-1600m dall’appennino romagnolo/toscano orientale fin alla Calabria, localmente più basso sui settori centrali adriatici.

Anche in Sicilia arriverà la neve sulle cime tra 1500-1700m.

Venti tesi da nord-est nella seconda parte del giorno (salvo sull’alto adriatico già in mattinata). Moto ondoso in aumento.

Temperature in calo con valori minimi ancora sotto i 10°C al Centro-sud mentre massime che faranno fatica a superare i 16/18°C. Oltre 20°C solo all’estremo sud e aree tirreniche.

Accumuli pluviometrici per il 13 Ottobre 2021

Giovedì la giornata più fredda con bel tempo sulle regioni del Centro-nord mentre ancora delle piogge rimarranno al meridione, seppur in maniera localizzata per la Puglia ed assenti per la Campania.

Neve sull’Appennino meridionale fin 1400/1600m. , a quote maggiori in Sicilia. Venti ancora sostenuti da nord-est, molto forti sullo Ionio con punte fin 80-100km/h. Mare qui molto mosso o agitato specie a largo.

Temperature in calo specie nei valori massimi difficilmente superiori ai 14/17°C da nord a sud salvo le zone del basso tirreno e la Sardegna. Minime in calo al nord-est con punte in pianura fin quasi 3°C nell’alto triveneto.

Verso un Weekend con un graduale aumento della pressione

Venerdì residua variabilità sullo Ionio ma comunque in miglioramento. Temperature massime in lieve rialzo mentre le minime diffusamente attorno ai 4/6°C nelle interne del centro-nord.

Sabato qualche incertezza tra Sardegna ed arcipelago toscano mente domenica si sposteserà verso il basso tirreno. Temperature massime in rialzo attorno ai 20°C o qualcosa di più localmente mentre le minime ancora frizzanti.

Successivamente viene visto un ulteriore rinforzo dell’Alta pressione con temperature in aumento e sopra la media. Quindi avremo la fine di questa fase più fredda.

Su maggiori dettagli per questa parte vi rimandiamo al prossimo aggiornamento.

Pressione al suolo per Domenica

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *