Sabbia del Sahara in arrivo sui cieli italiani

Nei prossimi giorni, in questo Weekend la sabbia del Sahara farà visita nei cieli italiani, questo avverrà a seguito di una profonda depressione che si spingerà dalla penisola iberica fin nell’entroterra algerino, andando ad attivare un intenso richiamo di correnti dai quadranti meridionali che risaliranno verso nord, precedendo la perturbazione in arrivo, in lento avvicinamento da ovest.

Sabbia del Sahara in arrivo sui cieli italiani - Geopotenziali 500hpa

Le correnti “pescheranno” direttamente dal Sahara algerino, apportando in quota grosse concentrazioni di pulviscolo sahariano, oltre ad aria più calda che come vi abbiamo anticipato produrranno un caldo anomalo in questo weekend. => Vedi Approfondimento

Sabbia del Sahara in arrivo sui cieli italiani cosa produrrà?

Le particelle legate al pulviscolo Sahariano, raggiungeranno già nella giornata odierna Venerdì 5 Febbraio i nostri settori, con la massima concentrazione prevista tra Sabato e Domenica, in coincidenza con l’arrivo della parte avanzante della perturbazione prevista per il weekend.

Totali Polveri in sospensione
Totali Polveri in sospensione

Pertanto le particelle di sabbia si andranno così ad unire ai nuclei di condensazione da cui si originano le precipitazioni e si riverseranno al suolo sottoforma di precipitazioni anche in forma nevosa, specie sui rilievi alpini.

Questo come è facile intuire si tradurrà in fenomeni che lasceranno il segno, specie su automobili o comunque superfici che risulteranno esposte, tra cui non si esclude la possibilità in montagna dei fenomeni di neve rosata o anche chiamata neve rossa.

Le correnti come vediamo dalla mappa elaborata dall’università di Atene, spingerà le polveri sahariane fin oltre i rilievi alpini, raggiungendo gran parte del centro Europa, in particolare su: Francia, Germania, Polonia, Bielorussia e Ucraina; dove anche qui sono attese precipitazioni “sporche” di sabbia.

Rimani Aggiornato sul Meteo con RMA

Seguici sui principali social Network: Facebook, Instagram, Twitter, Telegram, Whatsapp oppure anche su Google News