Tornano le vere piogge dopo due mesi al Centro-nord

Bentrovati amici possiamo dirlo finalmente dopo quasi 2mesi di siccità al Centro-nord tornano le perturbazioni atlantiche che riporteranno delle piogge che qui tanto mancano di questi tempi.

Non saranno però coinvolte tutte le regioni secondo le ultime stime dei modelli parte del Piemonte, dell’emilia-romagna e il medio adriatico dovrebbero ricevere minor fenomeni. Il sud italia invece verrà proprio risparmiato da questa fase mentre le temperature qui risaliranno poco sopra la media, ma altrove saranno tipiche del mese di Aprile.

Ovviamente grazie alla nuvolosità e l’umidità non ci sarà più la possibilità di gelate ma anzi proprio i valori minimi avranno un importante rialzo. Venti in rinforzo di Scirocco e tornerà qualche fiocco sui rilievi.

Pressione al suolo per Domenica 11 Aprile

Evoluzione meteo per il weekend

Partiamo quindi col definire l’evoluzione di Sabato. GIornata che incomincierà già con delle prime piogge tra Liguria, Toscana e parte della Sardegna, qualche addensamento sui settori alpini. Nel corso del pomeriggio verrà interessato anche il Lazio.

Verso fine giornata avremo una intensificazione delle precipitazioni tra Nord-ovest e sempre la regione toscana specie nelle zone centro-settentrionali. Gli accumuli già tra Liguria ed alta toscana potrebbero facilmente superare i 50mm. Tra sole e nubi al meridione.

Neve sulle Alpi occidentali tra 1000/1300m mentre qualche fiocco in Appennino tra 1500-1700m. Venti tesi da sud-est e mari molto mossi.

Accumuli pluviometrici per Sabato

Domenica avremo piogge diffuse al Nord(in ombra pluviometrica la Romagna) e parte del centro in primisi sempre la Toscana e poi qualcosa anche tra Lazio , Umbria e Marche. Qualche nube in più al meridione ma senza fenomeni. Nevicate moderate sulle Alpi fin sopra i 1500-1700m. Temperature stazionarie tra 12/15°C nei valori massimi al Centro-nord. Ancora forti venti da sud.

Tendenza per la prossima settimana

Lunedì dopo due giorni di richiamo sciroccale, avremo l’ingresso al Centro-nord del fronte freddo della perturbazione. Questo porterà una intensificazione dei fenomeni sempre sulle aree dell’alto tirreno e al Nord specie regioni alpine con piogge abbondanti anche a caratte temporalesco. Sarà da monitorare la situazione per il rischio di allagamenti, visto i terreni molto secchi che impediranno il defluire delle acque.

Ancora neve su Alpi ed Appennino fin quote medie. Temperature stabili e nella media del mese.

Martedì variabilità diffusa, mentre da Mercoledì parziale rimonta dell’alta pressione ma tempo ancora molto incerto al Nord. Seguiranno aggiornamenti.

In mappa gli accumuli pluvioemtrici fino a Martedì