I Gatti prevedono i Terremoti?

Da qualche giorno sta girando sul web questo video in cui il sesto senso dei gatti, farebbe prevedere con qualche minuto di anticipo il terremoto. Sarà vero?

Guardando il video notiamo infatti che i vari felini iniziano a muoversi contemporaneamente, rimanendo vigili anche nei secondi successivi. La scienza ci dimostra che gli animali non hanno super poteri da poter prevedere i terremoti, ma semplicemente hanno avvertito l’Onda P (più debole) del sisma.

Per capire meglio, quando avviene un terremoto l’energia accumulata dalle rocce si libera in parte sotto forma di onde sismiche che si propagano all’interno della Terra. Le onde che si propagano all’interno della Terra sono dette “onde di volume”.

I due tipi principali sono: le Onde P e le Onde S.

Le Onde P (o Primarie) sono le più veloci tra le onde sismiche, quindi le prime ad essere registrate in occasione di un terremoto. Esse si propagano come le onde sonore nell’aria. Sono infatti anche dette “longitudinali” perché fanno oscillare le particelle di roccia che attraversano parallelamente alla loro direzione di propagazione. In sostanza, al loro passaggio, le rocce si comprimono e si dilatano continuamente.

Un aiuto dalla Scienza

L’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, ha fatto qualche calcolo che dimostra quanto appena affermato.

Le reti sismiche hanno rilevato alle 07:58:35 l’inizio del sisma, nel video la telecamera di sicurezza ci mostra l’orario in alto a sinistra, alle 07:58:48 i gatti hanno iniziato a muoversi, quindi 13 secondi dopo la scossa.  Alle 07:58:58 dopo circa 10 secondi delle prime teste alzate, la stanza ha iniziato a muoversi.

Mettendo, insieme tutti questi dati possiamo ipotizzare che abbiamo un’onda P dopo 13 secondi e una S dopo 23 secondi dal tempo origine dal terremoto. Se assumiamo una velocità media delle onde P nella crosta pari a 6 km/s otteniamo una distanza dall’ipocentro di 78 km (6 km/s x 13 s).

Vediamo le S: assumendo una velocità delle onde S pari a quella delle onde P diviso 1.78 (come da manuale) otteniamo: 6/1.78 = 3.37 km/s. Moltiplicando questa velocità per il tempo di tragitto (in questo caso 23 secondi) otteniamo: 3.37 km/s x 23 s = 77.5 km.

La comunità di gatti che si trovavano al Cat Café in Giappone dista effettivamente 77,5km dall’epicentro del sisma

 

 

 

 

Andrea Pardini

Amministratore Fondatore, Previsore e Developer. Ragioniere, Perito Commerciale e Programmatore Informatico, con la passione per Meteorologia e la Scienza in generale. Attualmente Informatico presso una Web Travel Agency. Si occupa: del mantenimento della strumentazione e del portale web, stesura di articoli ed elaborazione delle previsioni meteo. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.

Se trovi interessante il nostro operato, offrici un caffè!

Potrebbero interessarti anche...