L’Arno e l’Alluvione del 4 Novembre 1966

L’alluvione del 1966 è l’ultima di una serie di esondazioni del fiume Arno che hanno nel corso dei secoli mutato il volto della città di Firenze.

Avvenuta nelle prime ore del 4 novembre 1966 in seguito di un’eccezionale ondata di maltempo, fu uno dei più gravi eventi alluvionali accaduti in Italia, e causò forti danni non solo a Firenze ma in gran parte della Toscana e più in generale tutto il paese.

Storia di un disastro, la lunga notte Toscana

Erano le ore 08:00 del 3 Novembre 2018 sulla città di Firenze, pioveva da più di 48 ore, l’Arno iniziava ad ingrossarsi. In sede Appenninica cadeva invece la Neve imbiancando il Casentino e il Mugello.

Ore 15:00 su Firenze si abbatté un forte Temporale e alcuni torrenti nel fiorentino si ingrossarono. I comandi militari, inviarono messaggi verso il Ministero dell’Interno e della Difesa avvertendo che la situazione, pur essendo sotto controllo, necessitava di essere seguita con maggiore attenzione.

Ore 18:00 continua a piovere, la temperatura a seguito della ventilazione meridionale salì di circa 5°C, contribuendo allo scioglimento del manto nevoso caduto in Appennino.

Ore 22:00 dal Mugello e dall’aretino giunsero inquietanti notizie, vari corsi d’acqua avevano rotto gli argini.

Ore 23:00 l’Arno era continuato a crescere, raggiungendo un livello piuttosto inquietante. 

Ore 24:00 l’Arno inizia a tracimare nel Casentino e nel Valdarno Superiore, invadendo le località di: Montevarchi, Figline Valdarno, Incisa in Val d’Arno, Rignano sull’Arno, Pontassieve, Le Sieci, Compiobbi ed Ellera. L’Autostrada del Sole e la linea ferroviaria per Roma vennero interrotte.

Ore 00:16 Ponte a Poppi, l’Arno esonda allagando anche qua tutto il paese, con la gente costretta a rifugiarsi in piena notte sui tetti.

Ore 01:00 l’Arno esonda in località la Liscia a Lastra a Signa. A Firenze le autorità presenti sui lungarni, monitorano la situazione ma senza emanare alcun allarme. 

Ore 02:00 l’affluente dell’Arno, il Mugnone, rompe gli Argini allagando il Parco delle Cascine a Firenze.

CONTINUA A PAGINA SEGUENTE 

Andrea Pardini

Amministratore Fondatore, Previsore e Developer. Ragioniere, Perito Commerciale e Programmatore Informatico, con la passione per Meteorologia e la Scienza in generale. Attualmente Informatico presso una Web Travel Agency. Si occupa: del mantenimento della strumentazione e del portale web, stesura di articoli ed elaborazione delle previsioni meteo. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.

Se trovi interessante il nostro operato, offrici un caffè!

Potrebbero interessarti anche...