L’ondata di caldo dell’agosto 1999

Se in questi giorni avete caldo, forse non vi ricordate oppure non eravate in Sicilia nell’Agosto del 1999, dove si ebbe una storica ondata di caldo.

L’ondata di caldo dell’agosto 1999 è passata alla storia come una delle più intense ondate di caldo che abbiano mai interessato il nostro paese.

In quei giorni si raggiunsero i +48°C in Sicilia!

Si non è un errore, un valore estremo quello che nell’agosto del 1999 vide la Sicilia con una massima di +48.5°C che venne registrata il 10 Agosto dalla Stazione Meteorologica di Catenanuova, a cura dell’Osservatorio delle Acque.

Un record di temperature che è considerato come la più alta temperatura attendibile registrata nell’intero continente europeo.

Altri valori superiori ai 40°C furano registrati da altre stazioni, sempre in quei giorni, come:

  • 10 / 9 Agosto 1999
    • +48°C stazione meteorologica di Piano Falzone, Riesi e Noto,
    • +47.1°C stazione meteorologica di Bompensiere e Diga Paceco,
    • +47.0°C stazione meteorologica di Lentini,
    • +45.2°C stazione meteorologica di dell’eliporto dell’isola di Capri (a cura dell’AM),
    • +45°C stazione meteorologica di Sigonella (a cura dell’AM),
    • +44°C stazione meteorologica di Trapani Birgi,
    • +43.8°C stazione meteorologica dell’aeroporto di Luqa Malta,
    • +42.9°C stazione meteorologica di Capo Frasca (a cura dell’AM),
    • +42.4°C stazione meteorologica di Punta Raisi (a cura dell’AM),
    • +41.6°C stazione meteorologica di Bonifati (a cura dell’AM),
    • +40°C stazione meteorologica di Prizzi Palermo(Altitudine di 1.035m s.l.m.)

Cosa determinò la storica ondata di caldo del 1999?

Analizzando le mappe storiche dell’epoca, si ebbe la risalata dall’entroterra algerino / tunisino di una massa d’aria calda e secca che investii la penisola italiana.

A 850hpa ovvero intorno ai 1500m la isoterma era di +30°C sopra la Sicilia, mentre tra 28/29°C sul resto del meridione.

Un “forno”, incentivato anche da una debole ventilazione meridionale.

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News