Pessima la qualità del Mare Toscano

Una pessima qualità dell’acqua lungo le coste della Toscana, secondo i campionamenti fatti da Goletta VerdeLegambiente.

I campioni sono stati prelevati dai volontari e le volontarie di Goletta Verde lungo le coste della Toscane nel periodo tra il 21 e il 22 giugno, facendo già emergere criticità in questo avvio di stagione soprattutto alle foci dei corsi d’acqua.

Criticità dovute alla presenza di batteri di origine fecale (enterococchi intestinali ed escherichia coli), considerati un marker specifico di inquinamento dovuto a scarsa o assente depurazione.

Peggiora la situazione alle foci, in particolare per i punti campionati lungo le coste della Toscana centrale, critici anche i risultati di quelli della Toscana settentrionale.

Fortemente inquinati sono risultati:

  • la foce del torrente Carrione a Carrara,
  • la foce del Lavello e la foce del Brugiano a Massa,
  • la foce del Fosso Motrone e quella dell’Abate in provincia di Lucca,
  • la foce dello scarico presso via Salivoli a Piombino,
  • la foce del Gora a Follonica,
  • il campione raccolto presso la spiaggia del Moletto del pesce a Marciana Marina, sull’Isola d’Elba.

Inquinati invece:

  • la foce del Versilia (MS)
  • la foce del Fosso di Mola a Capoliveri sull’Isola d’Elba.

Il Presidente e il Direttore di Legambiente Toscana, Fausto Ferruzza e Federico Gasperini, dichiarano:

La situazione è preoccupante anche perché i campioni sono stati prelevati all’inizio della stagione balneare e tutto fa presagire che il carico antropico è destinato ad aumentare visto che molti prediligeranno le coste italiane come meta estiva per le vacanze.

La metà dei campionamenti sono oltre i limiti di legge, in particolare nel centro e nel nord della regione: sono dati che lanciano ancora una volta l’SOS sul fronte della cattiva depurazione dei reflui.

È inaccettabile che una regione, a così alta vocazione turistica ed economicamente sviluppata come la Toscana, non investa sull’efficientamento della depurazione.

Una grande opera pubblica necessaria che non può più aspettare e che chiama in causa da vicino anche i Comuni dell’entroterra, dal momento che le grandi città giocano un ruolo cruciale in questo contesto.

Continueremo a chiedere a gran voce che vengano stanziati i fondi necessari per migliorare e modernizzare il sistema di depurazione della nostra regione

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News