Torna ancora la Nina

La Nina si è sviluppata e si estenderà per il 2° inverno di fila secondo il Centro Predittivo del Clima della NOAA una divisione del servizio meteorologico statunitense. Questo fenomeno naturale oceanico-atmosferico è caratterizzato da temperature marine più fresche rispetto alla media tra l’Oceano Pacifico centrale e orientale vicino all’Equatore.

E’ una parte del ciclo di oscillazione meridionale di El Nino (ENSO, El Nino Southern Oscillation ) che è caratterizzata da fasi di caldo e freddo opposte nell’Oceano Pacifico tropicale. La precedente Nina si era dissipata nell’Aprile 2021. Questa dovrebbe durare fino alla Primavera 2021 e per la prossima stagione invernale c’è una probabilità dell’87%.

Torna ancora la Nina
Ecco come appare La Nina: le temperature della superficie del mare più fresche della media lungo l’equatore sono indicative di La Nina nell’Oceano Pacifico tropicale nel settembre 2021. 

El nino invece si è presentato nel 2018-2019 come ultima volta in Inverno. Quando nessuna delle due parti (el nino o la nina) è presente si parla di ENSO neutrale e non ha quindi influenza sui modelli climatici globali.

Queste dinamiche sono fondamentali ed ormai ben note per il Nord America dove modifica la corrente a getto. Discorso più complesso per un’influenza sul nostro continente molto più debole. Durante la fase calda aumentano le piogge sull’Europa centro-orientale, mentre durante la fase fredda si verificano fasi più siccitose sull’Europa sud-occidentale.

El Nino e la Nina impattano anche sulla stagione degli uragani (più attiva) ed anche sul vortice polare stratosferico.

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News