Trovata Acqua nelle zone Illuminate della Luna


Tempo di lettura:1 Minuti, 2 Secondi

La Scoperta annunciata Lunedì 26 Ottobre dalla Nasa, rileva la storica scoperta che è stata trovata acqua nelle zone Illuminate della Luna, dove non si pensava potesse esistere.

Questa scoperta è un ottima notizia perché renderebbe l’acqua più accessibile di quanto pensato finora. Infatti, non è la prima volta che l’acqua viene trovata sulla Luna, ma si pensava si trovasse solo in zone in cui non batte mai il Sole, come i profondi crateri al polo sud.

La rilevazione è stata data dal telescopio SOFIA (Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy) che ha permesso di individuare molecole d’acqua, in zone colpite direttamente dalla luce solare, in particolare nei setttori presso il cratere denominato Clavius, che si trova nell’emisfero sud del nostro satellite.

Attenzione, non immaginatevi bacini pieni di acqua come sulla terra, ma più che altro molecole, che sono intrappolate all’interno della regolite lunare.

Il Telescopio SOFIA ha individuato circa 340 grammi per metro cubo di acqua, facendo un paragone con la Terra, il deserto del Sahara ha 100 volte più acqua.

Adesso sappiamo che c’è e dove poterla cercare, ma non sappiamo ancora come e se poterla sfruttare per future missioni spaziali.

Riferimenti: NASA’s SOFIA Discovers Water on Sunlit Surface of Moon

Autore del Post

Andrea Pardini

Amministratore Fondatore e Developer. Ragioniere, Perito Commerciale e Programmatore Informatico, con la passione per Meteorologia e la Scienza in generale. Attualmente Informatico presso una Web Travel Agency. Si occupa: del mantenimento della strumentazione e del portale web, stesura di articoli. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.