La Foresta Amazzonica ora emette CO2

Uno studio condotto grazie alle rilevazioni da satellite sulla foresta Amazzonica conferma che il più grande polmone verde del pianeta ormai non funziona più e non è chiaro se il processo possa essere recuperato.

Questa foresta è diventata un contributore netto di gas serra da almeno 10 anni. Durante questo arco di tempo ha emesso più anidride carbonica di quanta ne ha assorbita.

Dietro tutto ciò purtroppo c’è ancora una volta la mano dell’uomo con politiche davvero inesistenti di protezione di questo ambiente, ma ha un suo rolo anche il cambiamento climatico con il fenomeno di El Niño che ha contribuito al degrado della copertura forestale.

Secondo la rivista di Nature Climate Change, l’Amazzonia brasiliana ha emesso il 20% di emissioni di CO2 in più di quanto sia capace di inglobare. Dati molto significativi visto che il 60% della foresta si trova in Brasile.

Emesse 16.6 miliardi di tonnellate di CO2 mentre assorbite solo 13.9 miliardi. Pensate che nel 2019 sono spariti circa 3.9 milioni di ettari in queste zone mentre tra il 2017 e 2018 la perdita era di 1 milione l’anno.

Il degrado di questo ambiente è dato dal disboscamento(quadruplicato con Bolsonaro) e incendi senza precedenti, tanto che in zona si registrano stagioni secche più lunghe ed intense della norma.

Di questo passo le grandi porzioni di questo polmone verde saranno destinati a trasformarsi in una immensa savana e sarà impossibile tornare indietro.

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News