L’ondata di maltempo su Liguria e Toscana del 29 luglio 2010


Tempo di lettura:1 Minuti, 22 Secondi

Esattamente undici anni fa una violenta ondata di maltempo interessava la Toscana e la Liguria di levante. Sulla Toscana si sono verificati gli effetti più importanti, con accumuli di pioggia che nelle città di Lucca e Pisa hanno sfiorato i 150 mm, dovuti alla persistenza di temporali a carattere semi-stazionario accompagnati di grandinate e colpi di vento.

L'ondata di maltempo su Liguria e Toscana del 29 luglio 2010

La causa è da attribuire a questa vasta saccatura, visibile alla quota isobarica di 500 hPa, con un minimo al suolo posizionato in prossimità del mar ligure che ha permesso l’instaurazione di correnti meridionali al suolo e di libeccio in quota, con divergenza dei venti alla quota isobarica di 500 hPa associata ad un notevole shear positivo.

L’evoluzione del movimento della saccatura è importante nello stabilire la formazione di linee di convergenza di venti al suolo, in particolare tra l’ostro/scirocco in arrivo da sud/sud-est e il ponente/libeccio preveniente da ovest/sud-ovest, grazie anche al contributo della Corsica.

In questo modo si sono potuti formare diversi nuclei temporaleschi semi-stazionari con moto WSW/ENE, il principale dei quali è insistito fra Pisa e Lucca, con accumuli di pioggia come dicevamo prossimi ai 100-150 mm e picchi di oltre 50 mm in un’ora!

Anche buona parte del Nord Italia è stata interessata da questa perturbazione atlantica, ma con fenomeni più estesi e meno intensi a scala locale, capaci comunque di portare accumuli superiori ai 100 mm a ridosso dei rilievi sotto forma di pioggia moderata/forte.

In serata l’ingresso dell’aria fredda in quota ha permesso la formazione di nuovi intensi temporali in prossimità della costa toscana, accompagnati da una considerevole attività elettrica!

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News

Oppure iscriviti ai nostri canali Whatsapp e/o Telegram

Autore del Post

Daniel Gialdini

Geologo, Osservatore e Moderatore. Laureato in scienze e tecnologie geologiche. Nutre una grande passione verso le scienze matematiche, fisiche e naturali. Si occupa dei report meteorologici relativi alla Regione Toscana e alla stesura di articoli scientifici relativi alle scienze geologiche.