L’ondata di maltempo su Liguria e Toscana del 29 luglio 2010

Esattamente undici anni fa una violenta ondata di maltempo interessava la Toscana e la Liguria di levante. Sulla Toscana si sono verificati gli effetti più importanti, con accumuli di pioggia che nelle città di Lucca e Pisa hanno sfiorato i 150 mm, dovuti alla persistenza di temporali a carattere semi-stazionario accompagnati di grandinate e colpi di vento.

L'ondata di maltempo su Liguria e Toscana del 29 luglio 2010

La causa è da attribuire a questa vasta saccatura, visibile alla quota isobarica di 500 hPa, con un minimo al suolo posizionato in prossimità del mar ligure che ha permesso l’instaurazione di correnti meridionali al suolo e di libeccio in quota, con divergenza dei venti alla quota isobarica di 500 hPa associata ad un notevole shear positivo.

L’evoluzione del movimento della saccatura è importante nello stabilire la formazione di linee di convergenza di venti al suolo, in particolare tra l’ostro/scirocco in arrivo da sud/sud-est e il ponente/libeccio preveniente da ovest/sud-ovest, grazie anche al contributo della Corsica.

In questo modo si sono potuti formare diversi nuclei temporaleschi semi-stazionari con moto WSW/ENE, il principale dei quali è insistito fra Pisa e Lucca, con accumuli di pioggia come dicevamo prossimi ai 100-150 mm e picchi di oltre 50 mm in un’ora!

Anche buona parte del Nord Italia è stata interessata da questa perturbazione atlantica, ma con fenomeni più estesi e meno intensi a scala locale, capaci comunque di portare accumuli superiori ai 100 mm a ridosso dei rilievi sotto forma di pioggia moderata/forte.

In serata l’ingresso dell’aria fredda in quota ha permesso la formazione di nuovi intensi temporali in prossimità della costa toscana, accompagnati da una considerevole attività elettrica!

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News