Marzo 2022 il quinto più caldo mai registrato a livello globale


Tempo di lettura:2 Minuti, 33 Secondi

Marzo 2022 è risultato secondo i dati di Copernicus (Global Monitoring for Enviroment and Security), il quinto mese di marzo più caldo a livello globale.

Ma analizzando i dati su scala europea, si evince come in Europa il mese appena trascorso è risultato invece il più freddo degli ultimi 10 anni, con una temperatura di -0,43°C gradi sotto la media del periodo.

Marzo 2022 a livello Europeo

A Marzo 2022 si sono avute diverse anomalie di temperature in tutta Europa: condizioni più calde rispetto alla media tipica nell’Europa settentrionale e viceversa, inferiori sulla parte meridionale.

Zone come la Grecia e la Turchia hanno avuto anomalie più fredde, come visto anche dalle particolari nevicate che hanno interessato questi territori.

Marzo 2022 a livello Globale

Questa anomalia fredda, allontanandosi dalla scena europea, vediamo che si è estesa anche al Nord Africa, passando per il Medio Oriente fin ad arrivare alla Russia. Altre anomalie fredde si sono riscontrate nel Sud America, sulle Montagne Rocciose degli Stati Uniti e nel Canada centrale.

Facendo quindi un riassunto della situazione globale, vediamo come a livello globale sia risultato Marzo 2022 come il quinto marzo più caldo mai registrato, con una anomalia di +0.39°C

  • +0,39°C più caldo della media 1991-2020 di marzo
  • il quinto marzo più caldo mai registrato
  • quasi 0,2°C in meno rispetto al marzo più caldo, che era nel 2016

Temperature molto alte sono state registrate in tutta l’area che va dall’Iran alla Cina, con l’India che ha registrato il mese di Marzo come il più caldo degli ultimi 122 anni. .

Condizioni più calde della media sono state osservate anche nella Russia nord- orientale, nell’Antartide orientale, nell’Australia settentrionale, nell’Africa centrale, lungo la costa del Pacifico del Nord America, negli Stati Uniti orientali e nell’Artico.

Su quest’ultima vediamo proprio come risulta invece sempre più drammatica la situazione dei ghiacci artici.

Nell’Artico è stata registrata una temperatura +2,09°C al di sopra della media 1991-2020, la quarta più calda mai registrata.

L’area dell’Antartico ha visto un intenso periodo caldo, con temperature che hanno raggiunto valori nettamente al di sopra della media.

A Vostok, si sono registrati i -17.7°C, la temperatura più calda mai registrata in quell’area negli ultimi 65 anni.

Andando poi ad analizzare estensione del ghiaccio marino antartico per marzo 2022, vediamo come questo sia risultato inferiore del 26% rispetto alla media storica, classificandosi come seconda più bassa estensione registrata.

Rapportando le percentuali in numeri vediamo come l’estensione del ghiaccio marino antartico ha raggiunto in media 3,2 milioni di km quadrati, 1.2 milioni di km quadrati in meno.

L’estensione media mensile del ghiaccio marino artico ha fatto registrare nel mese di marzo 2022 i 14,7 milioni di km quadrati di estensione, risultando del 3% inferiore alla media mensile, ovvero di -0,4 milioni di km quadrati.

I dati forniti dal monitoraggio del Copernicus Climate Change Service ci devono far riflettere: bisogna assolutamente invertire la “rotta“, prima che le conseguenze del riscaldamento climatico diventino irreversibili per tutti gli abitanti del nostro Pianeta.

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News

Oppure iscriviti ai nostri canali Whatsapp e/o Telegram

Autore del Post

Fabio Porro

Appassionato di Meteorologia e di informazione in generale, si occupa de redigere post ed approfondimenti su vari temi.