Un Mare di Meduse a Trieste


Tempo di lettura:1 Minuti, 10 Secondi

Non una novità vedere delle meduse in un area portuale come Trieste, ma una concentrazione come quella avuta in questi giorni, ha attratto molti cittadini e turisti.

Le meduse fotografate sono della specie Rhizostoma pulmo, nota anche come potta di mare, un tipo di medusa che è la più grande tra quelle che vivono nel mar Adriatico.

Valentina Tirelli, ricercatrice dell’OGS (Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale), spiega che in questo periodo è nota l’elevata concentrazione di meduse, ma che tuttavia i venti di Bora di questi giorni, hanno accentuato il fenomeno.

I ricercatori infatti stanno eseguendo uno studio per capire quanto i venti come la bora possano interferire accentuando o meno l’aggregazione di queste meduse sulle coste triestine.

Stando alle ipotesi, il forte vento tenderebbe a rimescolare l’acqua del golfo, facendo risalire l’acqua dagli strati più profondi e spingendo le meduse verso la costa.

Valentina Tirelli, tramite il post pubblicato da Regione Friuli Venezia Giulia, ricorda che da alcuni anni è attiva un applicazione denominata avvistAPP, nata per segnalare la presenza della noce di mare, una specie aliena per il mar Adriatico ed estremamente pericolosa per il nostro ecosistema marino perché vorace predatore di zooplancton e potenzialmente anche di uova e di larve di pesce. Questa app è un utile strumento anche per segnalare la presenza di altri organismi come meduse, delfini e tartarughe.

Fonte regione Friuli Venezia Giulia

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News

Oppure iscriviti ai nostri canali Whatsapp e/o Telegram

Autore del Post

Redazione RMA

Redazione di Rete Meteo Amatori per info e segnalazioni non esitare a contattarci