Piogge benefiche in Piemonte: primi dati dall’Arpa regionale


Tempo di lettura:1 Minuti, 11 Secondi

Dopo oltre 4 mesi di siccità la pioggia è ritornata finalmente a bagnare il Piemonte, situazione idrica da bollino rosso come la definita il Presidente della Coldiretti di Alessandria, Mauro Bianco.

Il fiume Po è sceso a -3,4 metri sullo zero idrometrico, più basso che a Ferragosto, una situazione di forte sofferenza in cui si trovano buona parte dei corsi d’acqua al Nord e i grandi laghi.

Precipitazioni, tuttavia che come notato da molti di voi, sono risultate non distribuite equamente sul territorio piemontese, ancora molto scarse sulle medie-basse pianure da Torino verso il sud est con accumuli in 48 ore tra 5/7 millimetri.

Quasi nulla nei territori tra Monferrato, Alessandrino ed Astigiano orientale.

Neve fresca e abbondante sui monti del Piemonte con accumuli abbondanti alla quota dei 2500 metri tra i 40-60 cm, ma superando il metro su alto Piemonte.

Riportiamo il commento del Presidente della Coldiretti:

Non è sufficiente ma, sicuramente, questa pioggia rappresenta una boccata di ossigeno per gli agricoltori, costretti in alcuni casi già alle irrigazioni di soccorso, e salva campi e colture dopo quattro mesi senza piogge significative con la siccità che ha colpito tutta la provincia di Alessandria.

A fronte di questa situazione, l’arrivo della pioggia può essere salvifico per i raccolti in un momento in cui le imprese stanno già subendo speculazioni, accaparramenti e blocco dei commerci a causa della guerra in Ucraina.

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News

Oppure iscriviti ai nostri canali Whatsapp e/o Telegram

Autore del Post

Fabio Porro

Appassionato di Meteorologia e di informazione in generale, si occupa de redigere post ed approfondimenti su vari temi.