Sale sulle strade: quale impatto sull’Ambiente?


Tempo di lettura:1 Minuti, 12 Secondi

Anche se la stagione invernale si è risvegliata in questi giorni, entro la metà del mese in corso dovremo rimontare le gomme estive.

Durane la stagione invernale non è difficile imbattersi in tratti di strade ghiacciate, prima di ogni evento nevoso (ma anche durante) intervengono i mezzi spargisale.

Immagini tratte dal Web

Mezzi presenti su migliaia di chilometri della nostra rete stradale, a difesa della nostra incolumità ma quali ripercussioni sull’Ambiente?

Sulle strade si usano cloruro di sodio (il comune sale da cucina, ovviamente in quantità industriali) a volte anche con un mix composto da sabbia e sale, e il cloruro di calcio.

Quest’ultimo non può essere sparso a scopo preventivo, perché formerebbe una pericolosa patina scivolosa. Mentre il primo si può usare a scopo preventivo.

L’efficacia del sale è ormai assodata, ma causa il forte deterioramento del manto stradale con il rischio anche della formazione di buche molto insidiose. Il rischio maggiore che la forte salinità dei terreni vada a compromettere le falde acquifere.

Ma è proprio necessario l’uso del sale? Alcune paesi del nord Europa da alcuni anni stanno cercando soluzioni alternative e la Valle d’Aosta ne è la capofila in Italia.

Un’azienda canadese dopo aver estratto lo zucchero dalla barbabietola ha scoperto dopo giorni che i residui liquidi provenienti dalle barbabietole resistevano ottimamente a temperature di gran lunga sotto zero.

Non nocivo per la Salute e resistente a temperature fino a -28/-30°C e l’Ambiente naturalmente ringrazia.

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News

Oppure iscriviti ai nostri canali Whatsapp e/o Telegram

Autore del Post

Fabio Porro

Appassionato di Meteorologia e di informazione in generale, si occupa de redigere post ed approfondimenti su vari temi.