Analisi Maltempo del 26 Settembre 2021 Toscana


Tempo di lettura:1 Minuti, 7 Secondi

Il peggioramento di Domenica 26 Settembre, anche in virtù del cambiamento climatico in atto, ci riporta alla luce della realtà dei fatti: a settembre e ottobre la Toscana, in particolare le aree costiere e quelle preappenniniche, è un’area a rischio di fenomeni estremi!

Nel Mugello (Firenze) sono stati misurati chicchi di grandine con diametro anche superiore a 8 cm, sulle coste settentrionali si sono superati i 140 km/h di raffica da downburst e in generale la fenomenologia e l’attività elettrica sono stati considerevoli ovunque.

Come mai è accaduto? Quali sono le situazioni più pericolose?

Andiamo con ordine: in Toscana è opportuno avere innanzitutto un flusso costante e prolungato di scirocco nei bassi strati che possa portare l’energia potenziale necessaria allo sviluppo verticale dei sistemi convettivi.

Poi, in alta quota è opportuna una divergenza dei venti con accelerazione del getto in uscita (jet stream alla quota isobarica di 300 hPa).

Infine, tutti i livelli della troposfera devono essere favorevoli all’innesco dei fenomeni convettivi: il divario termico fra suolo e alta quota, così come il bilancio fra aria caldo-umida al suolo e aria secca in alta quota, devono essere marcati e tutta la struttura deve muoversi lentamente.

Avendo questi elementi a disposizione, associati a un fattore di innesco iniziale (orografia, convergenza di venti al suolo ecc…) il rischio di fenomeni estremi è sempre elevato!

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News

Oppure iscriviti ai nostri canali Whatsapp e/o Telegram

Autore del Post

Daniel Gialdini

Geologo, Osservatore e Moderatore. Laureato in scienze e tecnologie geologiche. Nutre una grande passione verso le scienze matematiche, fisiche e naturali. Si occupa dei report meteorologici relativi alla Regione Toscana e alla stesura di articoli scientifici relativi alle scienze geologiche.