C’era una volta… un ghiacciaio in Provincia di Bergamo


Tempo di lettura:1 Minuti, 11 Secondi

I cambiamenti climatici non fanno sconti a nessuno, nemmeno all’ultimo ghiacciaio con “residenza” in Provincia di Bergamo.

Il ghiacciaio del Gleno ( detto anche ghiacciaio del Trobio ) si trova sulle Alpi Orobie, l’unico rimasto quasi in vita sul versante bergamasco e con riferimento al fiume Serio.

Fonte maxpiantoni.it

E’ formato da tre apparati glaciali che congiungono tre vette, poste tra i 2828 e i 2882 metri di quota.

L’attuale estensione del ghiacciaio si aggira attorno ai 10 ettari, bisogna risalire almeno ad una trentina di anni per avere un’estensione maggiore.

Un tempo il ghiacciaio si spingeva fino ai 2300 metri di altitudine, tra il 1600-1700 il ghiacciaio raggiunse la massima estensione grazie alla piccola glaciazione in atto quel periodo.

Nel 1924 lo Sci/Cai Bergamo organizzarono la Coppa del Barbellino, una delle prime gare di discesa libera in Italia.

Nel 2014 grazie alle intense nevicate invernali e primaverili ritornò a vivere, ma anche grazie ad una stagione estiva fresca e perturbata.

Dagli ultimi rilievi eseguiti in questi giorni è emerso che le condizioni del ghiacciaio sono pessime: rispetto allo scorso anno il fronte è arretrato almeno di una decina di metri, mentre lo spessore è diminuito di due metri.

Ormai il ghiacciaio del Gleno ha intrapreso il “viaggio” del non ritorno, e chissà quanti come lui sono nelle sono nelle stesse pessime condizioni. Ma tra il Covid e la crisi mondiale, non si parla più di cambiamenti climatici.

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News

Oppure iscriviti ai nostri canali Whatsapp e/o Telegram

Autore del Post

Fabio Porro

Appassionato di Meteorologia e di informazione in generale, si occupa de redigere post ed approfondimenti su vari temi.