Dal 1 Maggio nuove regole sui Condizionatori


Tempo di lettura:1 Minuti, 29 Secondi

Dal primo maggio entrano in vigore le nuove regole sui Condizionatori, con il limite a 27°C e multe salate. Vediamo nel dettaglio cosa prevede la normativa, a chi si rivolge e quali le sanzioni.

La norma sui Condizionatori attiva dal primo di maggio riguarda al momento solo gli uffici pubblici e non riguarda solo per il periodo estivo, ma anche quello invernale, visto che sarà valida fin al 31 marzo 2023.

Dal 1 Maggio nuove regole sui Condizionatori

La regola prevista nella norma specifica che in modalità riscaldamento non si potrà salire al di sopra dei 19°C, mentre nel periodo estivo non si potrà scendere al di sotto dei 27°C. E’ prevista una soglia di tolleranza che sia in inverno che in estate è di due gradi.

Sono esclusi da questo emendamento gli ospedali, le case di cura e altre strutture riguardanti la sanità pubblica (vedi riferimento articolo 3, comma 4 del Dpr 16 aprile 2013).

Al fine di ridurre i consumi termici degli edifici e di ottenere un risparmio energetico annuo immediato, dal 1° maggio 2022 al 31 marzo 2023 la media ponderata delle temperature dell’aria, misurate nei singoli ambienti di ciascuna unità immobiliare per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici pubblici, a esclusione degli edifici di cui all’articolo 3, comma 4, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 74, non deve essere superiore, in inverno, a 19 gradi centigradi, più 2 gradi centigradi di tolleranza, né inferiore, in estate, a 27 gradi centigradi, meno 2 gradi centigradi di tolleranza.

A livello di sanzioni la faccenda non è molto chiara, sembra spettare il controllo agli ispettori del lavoro che potranno multare le varie pubbliche amministrazioni che non seguiranno l’obbligo, con una multa che va dai 500 a 3.000€.

Rimani Sempre Aggiornato sul Meteo e non solo!

Seguici sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e su Google News

Oppure iscriviti ai nostri canali Whatsapp e/o Telegram

Autore del Post

Andrea Pardini

Amministratore Fondatore e Developer. Ragioniere, Perito Commerciale e Programmatore Informatico, con la passione per Meteorologia e la Scienza in generale. Attualmente Informatico presso una Web Travel Agency. Si occupa: del mantenimento della strumentazione e del portale web, stesura di articoli. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.