Milioni di danni all’agricoltura in Emilia Romagna per le gelate

Si fa gia’ la conta dei danni per le gelate importanti che hanno interessato le aree interne del centro-nord a inizio Aprile.

Andando in Emilia romagna pensate che su una superficie di frutteti di 48 ettari , le perdite sono arrivate a sfiorare il 90% del raccolto previsto quest’anno. Una stima provvisoria parla solo di questa regione di 400mlioni di euro di danni.

In queste zone tra fine marzo e la prima settimana di Aprile infatti abbiamo avuto ripetuti cali termici nella notte con valori minimi scesi fin -6°C. Gelate che hanno provocato ingenti danni su molte colture che erano ormai nello stadio vegetativo avanzato per il periodo a causa di un inverno molto mite.

Primo bilancio dei danni


Sulla base delle segnalazioni arrivate 6mila imprese sulle 9mila interessate, si stima una superfice frutticola colpita di circa 48mila ettari, con danni potenziali che variano dal 30% nel caso di mele e pere, per arrivare fino al 90% per le albicocche. Ma nel conto, assai salato, figurano anche susine e pesche di varietà precoce (80%), altre varietà di pesche (60%), kiwi e ciliegie (50%).

Tali danni si aggiungono a quelli già molto rilevanti verificatisi lo scorso anno con gli attacchi da cimice asiatica.

Per chi volesse capire i metodi per la difesa antibrina

Federico Baggiani

Amministratore Fondatore e Previsore. Studente di Scienze Agrarie, finalizzato in tecnico agronomo. Da sempre appassionato di Scienza e soprattutto della Meteorologia. Si occupa della stesura di analisi previsionali a breve-medio termine; articoli di attualità ambientale e climatica. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.

Se trovi interessante il nostro operato, offrici un caffè!

Potrebbero interessarti anche...