Toscana la Storica Nevicata del 17 Dicembre 2010

Sono passati diversi Anni da quella magnifica nevicata del 17 dicembre 2010 che imbiancò buona parte della regione Toscana.

Qui di seguito alcune immagini, foto/video e la spiegazione di quel magnifico evento che creo anche non pochi disagi.

Come ha fatto a Nevicare?

Come ben sappiamo per nevicare al piano abbiamo bisogni di vari fattori che devono incastrarsi in modo davvero certosino.

Nelle pianure toscane avere precipitazioni nevose o non averle è spesso “appesa ad un filo”.

Quel giorno una perturbazione, sospinta da correnti occidentali più umide e temperate in quota, provocò nevicate inizialmente diffuse, poiché tali masse d’aria si trovarono a scorrere sopra un bel cuscinetto freddo, formatosi a seguito dell’afflusso dell’aria fredda continentale sopraggiunta da est nei giorni precedenti.

Tutto ebbe inizio il 14 Dicembre 2010, quando l’anticiclone si spinse verso nord permettendo così da est l’entrata di masse d’aria più fredde. Isoterme pari a -8° a 850Hpa raggiungevano il nostro paese. Si trattava di aria piuttosto pellicolare, ovvero fredda anche nei bassi strati.

Temperature a 850hpa 14 Dicembre 2010
Temperature a 850hpa 14 Dicembre 2010

Il 16 Dicembre 2010 raggiungemmo l’apice dell’ondata di freddo, con una -10°C a 850hpa sull’Italia centrale.

Giornata piuttosto fredda e caratterizzata da forti venti di grecale.

Il giorno seguente, il 17 Dicembre 2010, una perturbazione nord-atlantica si spinge al di sopra della preesistente aria fredda.

“Già nelle prime ore della mattina la costa toscana e la provincia di Pisa ha avuto la prima avvisaglia che qualcosa rispetto alle proiezioni della giornata precedente fosse diverso: le minime notturne si erano mantenute abbondantemente sotto lo zero, tanto che ad esempio la minima su San Miniato (Pi) era stata di −6,4°C, a Poppi addirittura −11,7°C.

Inoltre si riscontravano i primi episodi di debole intensità su varie località sia in quota che in pianura, citando spesso neve granulosa (snow grains), graupel o comunque precipitazioni nevose molti fini. Gli episodi del primo mattino risultano comunque marginali senza segnalazioni di accumuli.

Una nota comune è data dal fatto che quello che scendeva restava a lungo sulle strade e sui campi, tanto che sembrava di camminare sul polistirolo.

A questo punto molti temevano l’inesorabile salita delle temperature in quota, nemica della neve, cosa che non si è assolutamente realizzata.

Sono le 10 quando da Volterra si segnala una temperatura di −3,2°C con neve in corso. Quello che davvero stupisce invece deriva dalle segnalazioni provenienti dalla costa: a Livorno vengono segnalate precipitazioni nevose già dal primo mattino, ma anche da San Vincenzo, documentate dalla webcam.

Neve anche a Pisa e con accumuli in aumento.

La svolta arriva alle 11 circa, con le prime decise nevicate, diffuse su buona parte della Toscana centro-settentrionale e accumuli immediati a causa delle temperature decisamente sotto lo 0°C.

Entro poco tempo sarebbe stato un delirio bianco quasi ovunque, con fitte e insistenti nevicate a tappeto.

CONTINUA A PAGINA SEGUENTE