Report Tornado in Italia 2014-2020


Tempo di lettura:5 Minuti, 36 Secondi

Il Report Tornado in Italia, per chi non conoscesse il nostro operato, è una analisi di studio quantitativo e statistico dei tornado che avvengono sul suolo italiano, che elaboriamo annualmente facendo un resoconto di quanto avvenuto nell’anno appena trascorso e rapportandolo ad anni passati.

Tramite l’ausilio dei Social Network, del portale meteo e dei servizi di messaggistica istantanea, riusciamo a recuperare una grande mole di dati, e seguendo un apposito e rigido protocollo denominato “quality check”, abbiamo un metodo unico con cui trattare i dati ed escludere possibili falsi positivi. Per maggiori informazioni vi invito a far riferimento alla sezione dedicata => (Vedi).

I Tornado in Italia più importanti del 2020

Nell’anno 2020 in Italia sono stati registrati, catalogati e classificati dalla nostra organizzazione ben 60 tornado: di cui 50 di tipo Landspout, 9 di tipo Mesociclonico e 1 Non Classificabile.

Mappa Tornado 2020 - Riproduzione Riservata ©
Mappa Tornado 2020 – Riproduzione Riservata ©

L’intensità dei tornado è valutata sulla base della scala Fujita, nell’anno trascorso abbiamo registrato come di consueto, un maggior numero d’eventi d’intensità F0, ma con un incremento rispetto ad anni passati di eventi d’intensità F1

  • F0 registrati numero eventi 48
  • F1 registrati numero eventi 10
  • F2 registrati numero eventi 2
  • F3 registrati numero eventi nessuno
  • F4 registrati numero eventi nessuno
  • F5 registrati numero eventi nessuno

Gli eventi di maggior rilevanza che hanno avuto anche una intensità maggiore per l’anno 2020, sono stati il Tornado di Viterbo del 30 Agosto e il Tornado di Rosignano Livorno del 25 Settembre, entrambi classificati come F2

Il Tornado di Viterbo ha interessato la zona Cassia Nord, apportando come segnalatoci con documentazione video/fotografica: danni ad alcuni edifici, abbattendo alcuni alberi e attorcigliando alcune lamiere su di essi. Fortunatamente nessuna persona è rimasta direttamente coinvolta.

L’altro evento quello di Rosignano, ha invece un riscontro peggiore, con 2 persone ferite e danni a varie abitazioni ed alberi abbattuti.

Il Tornado in questo caso è stato classificato come derivante da un sistema mesociclonico, inizialmente come Tromba Marina, per poi fare Landfall sulla costa e scaricare la forza distruttiva sul quartiere presente in traiettoria.

Su questo evento è stato redatto dal Consorzio Lamma uno studio specifico che ha scoperto quali elementi rendono favorito lo sviluppo di Trombe Marine / Tornado su quest’area.

Nello specifico, gli elementi sono la presenza costante di vento forte in quota (intorno agli 8/10 mila metri), la presenza di avvezione di aria fredda su aria calda, elevati valori di “shear” del vento, ovvero una variazione del vento in intensità e direzione salendo in quota, presenza del fronte freddo, elevati valori di umidità prima dell’ingresso di tale fronte freddo, linee di convergenza del vento nei bassi strati dell’atmosfera e intrusioni di aria più secca, prima in quota e poi al suolo.

La Morfologia del territorio ne favorisce poi la probabilità d’impatto con la costa.

I Tornado tra il 2014 e il 2020

Tra il 2014 (anno di inizio dello studio di catalogazione) e il 2020, gli eventi validati nei 7 anni di archivio sono stati 257.

Tendenza Tornado in Italia dal 2014 al 2020
Tendenza Tornado in Italia dal 2014 al 2020
  • 2020 eventi registrati 60
  • 2019 eventi registrati 36
  • 2018 eventi registrati 52
  • 2017 eventi registrati 20
  • 2016 eventi registrati 30
  • 2015 eventi registrati 21
  • 2014 eventi registrati 38

La grande variabilità di questi numeri, deriva dal fatto che buona parte degli eventi registrati sono tornado non mesociclonici di debole intensità.

Essi si formano a partire da semplici cumulonembi, o addirittura cumuli congesti, e da una convergenza di venti al suolo; si può dunque affermare che il numero di questi tornado sia proporzionale all’instabilità atmosferica – o al numero di celle temporalesche – su un dato periodo.

Dei tornado registrati nell’anno 2020, solo 9, ovvero il 15% sono di origine mesociclonica, di questi: 2 (3% del totale) hanno raggiunto o superato il grado F2 della scala Fujita (venti superiori ai 180km/h).

L’evento più intenso, l’unico che abbia superato il grado F2, è stato il tornado ef3 di Dolo dell’8 luglio 2015. Non sono stati registrati tornado di tipo Landspout con grado superiore ad F1.

Densità e Distribuzione nello Spazio

La frequenza di tornado mesociclonici dove si registra un maggior picco >2 ogni 50km² dal 2014 al 2020 sono: le zone del Veneto orientale, della Puglia meridionale e della Calabria ionica.

Al contrario degli scorsi anni, il Lazio si aggiudica per il 2020 il primato come maggior numero di Tornado ma di cui solo 1 di tipo mesociclonico

Distribuzione Temporale

La distribuzione mensile segue l’andamento previsto con un numero di tornado basso nei mesi invernali ed un aumento in primavera con picco tra l’estate e l’autunno.

Distribuzione Temporale anno 2020
Distribuzione Temporale anno 2020

Come si può vedere dal grafico, il picco maggiore si è registrato tra Agosto e Settembre perché in questo periodo, si è avuta una maggior frequenza di passaggi perturbati di origine atlantica.

Questo è derivato dal fatto che abbiamo registrato un discreto numero di trombe marine che hanno fatto Landfall sulla costa.Possiamo considerare come nella fine dell’anno, a Dicembre, abbiamo avuto una maggior concentrazione di correnti instabili occidentali, che hanno portato un maggior numero di eventi vorticosi sui settori del Centro-Sud tirrenico.

30 Trombe Marine (ovvero il 50%) hanno toccato la terraferma, di cui solo una mesociclonica (3.3% delle 30, 1.7% del totale).

Come si può vedere dal grafico, il picco maggiore si è registrato tra Agosto e Settembre perché in questo periodo, si è avuta una maggior frequenza di passaggi perturbati di origine atlantica.

Questo è derivato dal fatto che abbiamo registrato un discreto numero di trombe marine che hanno fatto Landfall sulla costa.

Possiamo considerare come nella fine dell’anno, a Dicembre, abbiamo avuto una maggior concentrazione di correnti instabili occidentali, che hanno portato una maggior numero di eventi vorticosi sui settori del Centro-Sud tirrenico.

30 Trombe Marine (ovvero il 50%) hanno toccato la terraferma, di cui solo una mesociclonica (3.3% delle 30, 1.7% del totale).

Dati Statistici

Nel 2020 i dati per regione mostrano la seguente TOP 3:

  • Lazio 12 eventi
  • Liguria 9 eventi
  • Calabria 8 eventi

Per ulteriori dettagli e i dati statistici completi richiedi la tua copia del Report in formato PDF

Richiedi il Report Completo Stampabile in formato PDF

Il Report Completo Stampabile in formato PDF è disponibile:

Il ricavato sarà utilizzato per finanziare questa importante opera di catalogazione ed archiviazione.

Autore del Post

Andrea Pardini

Amministratore Fondatore e Developer. Ragioniere, Perito Commerciale e Programmatore Informatico, con la passione per Meteorologia e la Scienza in generale. Attualmente Informatico presso una Web Travel Agency. Si occupa: del mantenimento della strumentazione e del portale web, stesura di articoli. Partecipa ai progetti: Archivio Eventi Meteo e Tornado in Italia.